La fattura elettronica emessa con Excel

Ti spieghiamo come poter continuare ad utilizzare i Fogli di calcolo per la fatturazione elettronica. In questo modo non sarai costretto a modificare nulla della tua modalità di lavoro. Il 1 gennaio 2019 passerà indisturbato.


Chiunque abbia avuto modo di approfondire la conoscenza dell’Excel – e in generale dei fogli di calcolo – resta stupito dal grande potere e dall’ampia versatilità che ha questo strumento. Ebbene, la capacità di adattarsi ad esigenze diverse ha fatto sì che l’Excel sia diventato uno dei software più utilizzati per la fatturazione dalle aziende. Con le formule giuste, infatti, il foglio di calcolo applica detrazioni, percentuali e condizioni necessarie all’emissione di una fattura in piena regola. La conoscenza necessaria del mezzo e le sue caratteristiche, rendono l’Excel particolarmente apprezzato nelle aziende, dove l’amministrazione deve gestire un numero elevato di documenti e fattispecie fiscali. Ma il foglio di calcolo diventa inutile con l’arrivo della fatturazione elettronica obbligatoria?

L’e-fattura per le aziende e il costo del change menagement

La fatturazione elettronica sovvertirà dunque il flusso di lavoro delle aziende? Dal 1 gennaio 2019 la fattura digitale diventa obbligatoria e sarà necessario – fatta eccezione per i soggetti esentati – munirsi di un software dedicato all’emissione dell’e-fattura. Teoricamente ciò manderebbe in “pensione” il foglio calcolo usato allo scopo, imponendo all’azienda un costo di “gestione del cambiamento” (change menagement). Le figure professionali che all’interno dell’impresa si occupano del pagamento dei collaboratori e dei fornitori dovrebbero imparare ad usare un software dedicato, laddove in realtà il più – proprio grazie all’Excel – è stato già impostato. Detto altrimenti: l’investimento di tempo e risorse, fatto in passato per programmare i fogli di calcolo, verrebbe gettato alle ortiche.

La soluzione

Creazione attraverso Excel della fattura elettronica (INGRANDISCI).

Bisogna prima di tutto riconoscere e porsi il problema, affinché lo si possa risolvere. EFFATTA… l’ha fatto ed è l’unica soluzione per fatturare da Excel. Come è possibile vedere nell’infografica pubblicata in apertura di paragrafo, basta scegliere il piano tariffario Premium o Best e utilizzare un account Gmail per la registrazione. Una volta redatto il documento con il proprio Foglio di calcolo, EFFATTA converte il file XLS in XLM e sigilla la fattura, affinché possa essere conforme e leggibile dallo SdI (il Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate). Quest’ultimo, così come per tutte le fatture elettroniche, controlla la validità del documento e:

– se compilato in maniera incompleta o non congrua, recapita al mittente una notifica di scarto;
– se non recapitato, inoltra al mittente una notifica di recapito fallito;
– se corretta, invia al cliente la fattura e al mittente una ricevuta di consegna.

A questo punto si procede alla conservazione della fattura, usando lo spazio dell’Agenzia delle Entrate (con l’intermediazione del nostro software e quindi stesso da dashboard), oppure il cloud di EFFATTA. Facile, vero? Per info consulta la pagina sul piano tariffario, oppure contattaci.